Le telecamere di Egg Magazine sono solite immortalare e riportare argomenti di svago e divertimento, ma in questo caso, in cui gli autori di questo libro, I treni non esplodono, Ilaria Giannini e Federico Di Vita, sono giovani, ispirati e fortemente motivati da un autentico senso di indignazione, ci è sembrato doveroso, anche nei confronti della nostra città, che è protagonista dell’argomento trattato, riaprire il nostro palinsesto invernale proprio con questa intervista.

Una raccolta di testimonianze, giuridiche e personali che ripercorrono i punti salienti di questa terribile vicenda e impediscono di dimenticare quanto accaduto a Viareggio e ai suoi abitanti la notte del 29 giugno 2009. Le ingiustizie e i paradossi legali in cui sono incappati, raccogliendo le storie delle vite spezzate da questa tragedia ferroviaria, sono innumerevoli e devono essere rese note.

Di seguito, quanto scritto sulla quarta di copertina:                                                                                                                  “Viareggio, 29 giugno 2009                                                                                                                                                     Ore 23.48                                                                                                                                                                                   Il treno merci 50325 trasporta quattordici vagoni-cisterna carichi di Gpl, ed entrando in stazione ondeggia e barcolla. Quattrocento metri dopo deraglia. Da uno squarcio nella prima cisterna il gas si disperde come una nebbia portata dal vento. Si insinua dentro le case dalle finestre aperte, dalle porte, nei cortili. Poi esplode. In via Ponchielli crollano tre palazzine, l’incendio devasta la strada. Undici persone perdono la vita quella note, altre ventuno moriranno a causa delle ustioni.
Una strage ancora senza colpevoli.”